Zen 2 , spaccio di droga a conduzione familiare. Carabinieri arrestano tre persone

I Carabinieri della Stazione San Filippo Neri hanno tratto in arresto i componenti di un’intera famiglia, padre, madre e figlio, rispettivamente di 50, 52 e 32 anni, residenti nel quartiere “Zen 2”, con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.
Nel corso di un servizio, mirato al contrasto dei reati in materia di stupefacenti, i militari hanno effettuato una perquisizione all’interno dell’abitazione degli indagati, già noti alle forze dell’ordine, ove sono stati rinvenuti quasi 30 grammi di eroina suddivisa in 55 dosi, un bilancino di precisione e vario materiale per il confezionamento.

Procuratore Capo de Lucia incontra gli studenti del Gonzaga. "Intercettazioni e 41 bis irrinunciabili nel contrasto alla criminalità organizzata"

Il Procuratore Capo di Palermo Maurizio de Lucia ha incontrato gli studenti dell'istituto Gonzaga . Un momento di riflessione su quanto acacduto recentemente con la cattura del super latitante Matteo Messina Denaro. "Il 16 gennaio è stato un bel giorno sottolinea de Lucia, perchè si è raggiunto un risultato dopo un lavoro lungo e molto complicato. Adesso bisogna avere sempre i piedi per terra per continuare ad andare avanti nella lotta al crimine organizzato poi ha aggiunto Siamo uno strano Paese. Dopo pochi minuti dall’annuncio dell’arresto, sono iniziati i mormorii che lasciano il tempo che trovano. Occorrerebbe fare una riflessione su come funzionano i media. Spesso sono state messe in piazza informazioni che non servivano. E’ facile, oggi, vendere una pillola di notizie – di uso e consumo immediato – rispetto ad una serio approfondimento giornalistico”.

Droga nascosta in un appartamento di Carini. Polizia arresta una donna

La Polizia  ha effettuato un rilevante sequestro di stupefacenti ed ha arrestato una donna. Il blitz dei poliziotti del Commissariato di P.S. “Partinico” è avvenuto in un appartamento, che sembrava  disabitato proprio di Carini. Gli agenti hanno notato l’imbarazzo di una donna, da poco fuoriuscita da un edificio, con in mano un sacchetto di stoffa, all’atto di incrociare il mezzo della Polizia. Ai poliziotti quell’atteggiamento è sembrato eccessivo quando la donna ha lanciato sotto una macchina il sacchetto.

Club Zonta e Lions Palermo incontrano la scrittrice Simonetta Agnello che presenta il libro "La Cuntintizza"

Al Circolo del golf “Villa Airoldi” la presidente di Zonta club Triscele Palermo, Caterina Di Chiara e il presidente Francesco Ferro del Lions Palermo Normanna, hanno incontrato la scrittrice Simonetta Gloria Agnello Hornbyl che ha presentato la sua ultima fatica letteraria "La Cuntintizza”, scritto con la nipote, Costanza Gravina. Il romanzo nasce da un'intesa, quella fra Simonetta e la nipote,: in un dialogo tra due generazioni e culture diverse, che indaga e racconta i piccoli gesti e le esperienze che rendono bella la vita di ogni giorno, cercando il bene e il buono.

Grande successo alla premiere mondiale tenutasi a Montreal, in Canada, del film “Il Teorema della Felicità”

Grande successo alla premiere mondiale tenutasi a Montreal, in Canada, del film “Il Teorema della Felicità”. Emozione a fior di pelle da parte del cast, presente alla proiezione accolta con grandi applausi. Attesa la premiere italiana a Palermo. Successo strepitoso per la premiere mondiale del film “Il teorema della felicità” – una coproduzione Canada Italia fra la maggioritaria Odflix e la Dorado Pictures - che si è tenuta il 1° febbraio nella città di Montreal, in Canada. La manifestazione si è svolta presso una delle centinaia di cinema multisala del distributore canadese Guzzo dove il film, scritto e diretto dal giovane regista Luca Fortino, è stato apprezzato e accettato dalla distribuzione canadese perché si erge alto rispetto a decine di altre opere italiane e, pertanto, meritevole di essere visto. «Un’emozione per tutti noi – afferma il regista, Luca Fortino - anche perchè, quando ciò succede in un paese che non è il proprio, significa che si è prodotto qualcosa che assume un valore direi universale. Lo stesso distributore, dopo aver visionato il film, ha dichiarato pubblicamente di ritenere l’opera cinematografica differente da decine di altri film italiani a lui sottoposti per la distribuzione. La scorrevolezza del linguaggio cinematografico, unita alla profondità del tema e dei contenuti, lo hanno convinto a sceglierlo fra tanti per la distribuzione». Presenti alla premiere canadese, che anticipa di qualche giorno quella italiana, il regista Luca Fortino e gli attori Andrea Tidona, Francesco Russo, Anna Attademo, l’attrice coprotagonista e produttore maggioritario, Marie Ange Barbancourt, i delegati di distribuzione, tecnici e addetti ai lavori. Il tempo di uscire dal bagno di folla canadese e ora regista e attori sono in volo per Palermo dove il 9 febbraio, a Palazzo Branciforte, si terrà la premiere italiana alla quale parteciperà anche il resto del cast, che ha come attori principali Orio Scaduto e Antonio Tancredi Cadili, e del quale fanno parte, tra gli altri, anche Marco Feo, Giuseppe Battiloro e, Salvo Nereo Salerno. Un team che ha dato vita a una storia, alla base della quale c’è tanta voglia di felicità.

Turismo, invito conferenza stampa della Regione Siciliana alla Bit Milano - 13 febbraio 2023, ore 12 Pad. 3

 


“Giornata di raccolta del farmaco” dal 7 al 13 febbraio. Possibile aiutare con la donazione la Missione speranza e carità di Biagio Conte

Quest’anno la 23esima “Giornata di raccolta del farmaco” nelle farmacie italiane dura sette giorni, da martedì 7 a lunedì 13 febbraio, al fine di raccogliere ancora più farmaci e dare risposte all’aumento di persone che non possono permettersi di curarsi, ben 390mila lo scorso anno in Italia.Federfarma Palermo, d’intesa con il Banco farmaceutico (che organizza la raccolta con i volontari) e con l’Ordine provinciale dei farmacisti, ha deciso di dedicare particolare attenzione alla donazione di farmaci alla “Missione speranza e carità” fondata da Biagio Conte, recentemente scomparso.

"Rugby e Legalità" al sud nel segno della polizia di prossimità. Oltre 600 alunni della scuola Marconi giocano e affollano gli spalti dello Stadio Vito Schifani

di Ambra Drago
Sport e legalità un binomio vincente. Lo dimostra il progetto partito da Palermo e che ha coinvolto altre città come Bari, Napoli, Reggio Calabria portato avanti dalla Federazione italiana Rugby con la Polizia di Stato in particolare con i rappresentanti dell'XI° Reparto Mobile. Un progetto al quale ha creduto fortemente il Dirigente dell'XI Reparto Mobile di Palermo, Giuseppe De Blasi: "Lo sport è un mezzo per avvicinare i giovani alla legalità ed è un bel colpo d'occhio vedere tanti giovani proprio in questa struttura che porta il nome del nostro collega morto nella strage di Capaci, Vito Schifani. Il rugby riesce a coniugare i valori dell'impegno e della sana competitività che viene meno con il fatidico terzo tempo. Voglio ringraziare il mio reparto, la Federazione e tutti coloro che hanno reso tutto questo possibile". 

Ars. Indagato e sospeso per un anno funzionario che avrebbe imposto fornitori a chi vinceva gli appalti

Il responsabile del Servizio di prevenzione e protezione dell'Assemblea Regionale Siciliana, Giuseppe Mirici Cappa, è indiziato di "tentata induzione indebita a dare o promettere utilità". I carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo, a conclusione di un'attività d'indagine coordinata dalla Procura, hanno eseguito un'ordinanza di divieto di dimora di un anno in provincia di Palermo e della misura interdittiva della sospensione dal pubblico ufficio per lo stesso periodo, emessa dal gip.

Soccorso dalla Guardia Costiera un barcone con a bordo 8 cadaveri

Tragedia in mare. Sarebbero morti di fame e di freddo i 5 uomini e le 3 donne, una delle quali in avanzato stato di gravidanza, che sono stati ritrovati ieri sera dalla motovedetta Cp324 della Guardia costiera che ha effettuato il soccorso di un barcone a 42 miglia da Lampedusa, in acque Sar Maltesi.
Lo avrebbero riferito ai soccorritori prima e alla polizia dopo, non appena giunti all'hotspot di contrada Imbriacola, i 42 migranti superstiti.

Il giornalista Franco Cicero è il nuovo componente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Taormina Arte Sicilia

La designazione arriva da parte del sindaco Mario Bolognari che, in una seconda nota, specifica che la presidenza e la legale rappresentanza spettano a lui e non al Commissario straordinario.
Taormina (ME), 2 febbraio - Il giornalista e critico cinematografico, Franco Cicero, è stato nominato dal sindaco di Taormina, Mario Bolognari, nuovo membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Taormina Arte Sicilia.
Nell’atto di designazione del primo cittadino taorminese, inviato all’Assessorato Regionale del Turismo dello Sport e dello Spettacolo si legge quanto segue: “Nelle more della nomina del Consiglio di amministrazione previsto dallo Statuto della Fondazione, come indicato dal Commissario dimissionario, esiste un organo statutariamente previsto.

La Commissione regionale Antimafia si è riunita a Castelvetrano

On. Antonello Cracolici Presidente commissione Antimafia ARS
La Commissione regionale Antimafia si è riunita a Castelvetrano: una trasferta con la quale abbiamo voluto manifestare la nostra vicinanza concreta ad una città e ad un territorio che devono scrollarsi di dosso l’etichetta di “luoghi del boss Matteo Messina Denaro” e devono riappropriarsi delle loro migliori qualità e della loro identità più autentica. Al tempo stesso abbiamo voluto ribadire la presenza ed il sostengo delle Istituzioni, incontrando nell’aula consiliare di Palazzo Pignatelli i membri del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza e, a seguire, i Sindaci della provincia di Trapani dai quali abbiamo raccolto importanti ed utili proposte sulle quali lavoreremo in Commissione. Quella di Castelvetrano è stata la prima tappa, proseguiremo su questa strada che ci porterà in giro per la Sicilia ad ascoltare e toccare con mano le esigenze di chi si trova in prima fila nell’impegno quotidiano per la legalità, contro la mafia e contro ogni forma di corruzione.

Trasporti: gennaio da record all'aeroporto di Trapani Birgi

Ombra (Airgest): «Superati i numeri pre pandemia. Anche per il Vincenzo Florio è boom, come scrive il Sole 24 Ore». «Non possiamo che essere d'accordo con il Sole 24 ore che titola: "Aeroporti, boom dei piccoli scali. Passeggeri più che raddoppiati". Anche per il Vincenzo Florio, infatti - commenta il presidente di Airgest, Salvatore Ombra -, continua la crescita da record delle attività, che a gennaio 2023 vedono transitare ben 43.293 passeggeri, con 435 movimenti, pari ad un +56% rispetto lo stesso mese dell’anno precedente. Un dato che ripaga la fiducia che la Regione siciliana e il presidente Renato Schifani hanno riposto nello scalo e che intendiamo migliorare ulteriormente per il bene del territorio».

Messa in sicurezza della Strada Statale 121, Giuseppe Zitelli (FdI) sollecita l’installazione di pannelli fonoassorbenti e barriere antirumore : “Troppi disagi per i residenti a causa del transito dei mezzi pesanti”

Una lettera alla Direzione Regionale dell’ANAS per chiedere urgentemente l’installazione di pannelli fonoassorbenti e barriere antirumore lungo il tratto compreso tra i chilometri 9 e 10.100 della Strada Statale 121, nel territorio di Piano Tavola. A trasmetterla è il deputato all’Assemblea Regionale Siciliana Giuseppe Zitelli, componente della Commissione Territorio e Ambiente, che sollecita interventi a tutela di coloro che risiedono a ridosso della Statale 121, l’arteria di collegamento principale tra Catania, Paternò e tanti altri piccoli e grandi centri urbani. “In un’interrogazione parlamentare da me firmata – spiega l’esponente di Fratelli d’Italia – che reca la data del 17 gennaio 2018, avevo chiesto, nell’ambito della piena messa in sicurezza della Stradale 121, anche l’installazione dei fonoassorbenti e delle barriere antirumore, per eliminare i disagi che influiscono sul benessere fisico e mentale degli abitanti: il transito dei mezzi pesanti avviene infatti, sulla stessa strada, senza alcuna interruzione temporale”.

Amministrative, elezioni in 129 Comuni siciliani. Si voterà il 28 e 29 maggio mentre per l'eventuale ballottaggio l'11 e il 12 giugno

Il governo Schifani, nel corso della seduta della giunta di oggi, ha fissato le date delle prossime elezioni amministrative in Sicilia. Nei 129 Comuni coinvolti si andrà al voto domenica 28 maggio (dalle 7 alle 23) e lunedì 29 (dalle 7 alle 15), con eventuale turno di ballottaggio nei giorni 11 e 12 giugno. Le date sono state individuate su proposta dell’assessore alle Autonomie locali, Andrea Messina.
La tornata elettorale coinvolgerà quattro capoluoghi di provincia: Catania (con sei circoscrizioni di quartiere), Ragusa, Siracusa e Trapani. Dei 129 Comuni saranno 114 quelli nei quali si voterà col sistema maggioritario perché al di sotto dei 15 mila abitanti, mentre sono 15 quelli al di sopra di questa soglia nei quali si voterà col proporzionale. Inoltre cinque Comuni sono attualmente gestiti da Commissari straordinari di nomina regionale, mentre uno, quello di Barrafranca, nell'Ennese, è amministrato da una Commissione prefettizia perché sciolto per mafia.

Operaio delle telecomunicazioni ruba quattro batterie. Intercettato attraverso il Gps viene arrestato dalla polizia

Un giovane palermitano resosi responsabile di tentato furto aggravato di 4 batterie di alimentazione al ripetitore di un noto gestore di telefonia mobile.
Le “Nibbio”, i motociclisti appartenenti all’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, sono intervenuti a seguito di una segnalazione diramata dalla sala operativa del gestore inerente un furto di batterie appena perpetrato nei pressi degli impianti di un loro ripetitore telefonico ubicato in località Capaci.

Commissione antimafia a Castelvetrano, Cracolici: " Dare sostegno ad antimafia diffusa". Sindaco: " Fare riforma beni confiscati"

"Partiamo da quegli applausi di lunedì 16 gennaio e ora bisogna dare voce e sostegno all'antimafia diffusa".
Lo ha detto il presidente della Commissione regionale antimafia Antonello Cracolici prima dell'inizio dei lavori a palazzo Pignatelli a Castelvetrano dopo l'arresto del boss mafioso Matteo Messina Denaro il 16 gennaio scorso. Dobbiamo sostenere con strumenti le forze dell'ordine - ha aggiunto - e dobbiamo alzare lo sguardo verso quel rapporto tra la borghesia mafiosa e il sistema massonico in questa provincia". Poi Cracolici ha ribadito che "Castelvetrano deve acquisire la consapevolezza del suo riscatto, la città deve sapere andare oltre la rappresentazione. Questo territorio, del resto, è ricco di imprenditori ed è la patria delle olive da mensa", ha detto.

Operazione della polizia da Reggio a Messina. Sequestrati beni, assetti societari e rapporti finanziari dal valore complessivo di 45 milioni

Maxi operazione della Polizia da Reggio Calabria, Bari, Milano Messina sino in Florida. "Un provvedimento giudiziario che può contemplare un primo piano con anche un attacco patrimoniale e che riguarda la disarticolazione dell'apparato militare, sottolinea il prefetto e Direttore Centrale Anticrimine Francesco Messina, e un secondo piano che riguarda il  colpire il capitale illecitamente accumulato con il lavoro delle direzioni anticrimine, con le misure di prevenzione patrimoniale e con il servizio centrale Anticrimine". In particolare dall'operazione di oggi ne è scaturito un sequestro dal valore complessivo di 45 milioni di euro, riconducibili a due fratelli imprenditori attivi nel settore dell’edilizia e dell’intermediazione immobiliare.

Musica alta e violazioni igienico-sanitarie. Chiuso un locale della Vucciria

I Carabinieri della Stazione Palermo Centro e la Polizia Municipale, hanno sanzionato e disposto la chiusura di un locale in via dei Maccheronai, nel quartiere Vucciria.
All’accesso, era in corso un evento musicale con emissioni sonore e diffusione amplificata a porte aperte, oltre l'orario consentito, con la presenza di numerose persone. 
Dagli accertamenti effettuati, sono emerse gravi violazioni igienico-sanitarie, come la rilevazione di numerosi escrementi di topi nell'area di somministrazione di cibi e bevande e nel deposito alimenti. Varie provviste, destinate alla somministrazione e alla vendita, erano in cattivo stato di conservazione, prive di indicazioni sulla tracciabilità e, pertanto, potenzialmente nocive.

Appalti: turbarono gara Consorzio autostrade siciliane da 10 milioni: quattro misure cautelari da Messina al Nord Italia

La Direzione Investigativa Antimafia di Messina sta eseguendo nella provincia di Messina e nel nord Italia un'ordinanza di misure cautelari emessa dal Gip del Tribunale peloritano, su richiesta della locale Procura, nei confronti di 4 persone accusate in concorso di turbata libertà del pubblici incanti.
Si tratta di un dirigente, oggi in quiescenza, del Consorzio per le Autostrade siciliane che si trova ora ai domiciliari e di 3 imprenditori a capo di un'impresa leader nella fornitura di servizi attinenti la rete viaria.Due degli imprenditori sono ai domiciliari, il terzo è stato raggiunto dalla misura interdittiva del divieto di esercitare o ricoprire uffici direttivi di persone giuridiche ed imprese per sei mesi.